In evidenza

Amabile inferno di Eleonora Fasolino

Benvenuti, sono molto felice di presentarvi la mia seconda recensione. In questo articolo vi parlerò di un libro molto speciale sotto parecchi punti di vista. In primis questa è la mia prima collaborazione con un’autrice, cosa che mi riempie di orgoglio. Ci tengo, dunque, a ringraziare Eleonora per avermi inviato la sua storia e permesso di recensirla. Spero di essere all’altezza del compito.

Trama:

Roma, Anno del Signore esamidimaturità. Melania Santacroce ha diciotto anni, un gusto eccentrico in fatto di vestiti e i capelli tinti di viola. Afferma di portare una terza scarsa di seno più per ottimismo che per amore della realtà e, quando non si allontana dal mondo per comporre poesie distratte, si interroga sull’efficacia delle taglie dei jeans, su Lord Byron e sulla dubbia puntualità dei mezzi di trasporto capitolini. Sebbene alta e non proprio esile, a volte teme di risultare impercettibile, ma a salvarla dalla banalità del quotidiano sono le uscite al vetriolo che di tanto in tanto ama diffondere con nonchalance. Non è proprio sicura di credere in Dio, ma frequenta una scuola privata di stampo cattolico. Non ama tradurre il greco, ma si accinge ad affrontare l’ultimo anno di liceo classico. Non si è mai innamorata, ma alla fine è arrivato Manfredi Vergara: suo professore e uomo impegnato in una relazione complicata con Dio. Perché Manfredi è un prete. E Melania, che non ha mai assaporato la tentazione, si trasformerà in quella più pericolosa per un uomo che non appartiene nemmeno a se stesso. O forse nel suo amabile inferno.

Recensione:

Quando l’autrice mi ha inviato quest’opera, sono subito rimasta colpita dalla trama. Non avevo ancora iniziato questa lettura, eppure mi ritrovavo già ad ammirare il suo coraggio nello scegliere di narrare un amore fuori da ogni canone, un amore “sbagliato”. Tante sono le storie che parlano di amori sbocciati tra alunne e professori, ma, in questo caso, il professore è anche prete. Ammetto di aver iniziato a leggere con titubanza, temendo di trovare una storia al limite dell’assurdo, eppure così non è stato.

Mai giudicare un libro dalla copertina.

Sin dalle prime pagine ci viene presentato il personaggio di Melania, tanto insicura quanto perseverante nel voler trovare sé stessa, una ragazza unica e così lontana da ogni stereotipo, motivo per il quale non si sente totalmente a suo agio nel suo prestigioso liceo di stampo cattolico. Proprio tra le mura del San Carlo, la vita di Melania si incrocia con quella di Manfredi Vergara, suo professore e prete. Fin da subito la ragazza prova attrazione per quell’uomo così misterioso, ma conscia della situazione, tiene per sé quel sentimento che tanto la spaventa.

Manfredi è così diverso da come me lo aspettavo, è un uomo dallo spiccato senso dell’umorismo e dalla mentalità decisamente aperta, caratteristiche che gli permettono di rapportarsi facilmente con i suoi studenti. E’ sempre pronto ad aiutare le persone che ama e a sfatare falsi miti sulla religione. Ha deciso di dedicare la sua vita a Dio per espiare una vecchia colpa che non smette di tormentarlo, motivo per il quale prova una grande paura per ciò che sente per Melania. Il suo passato lo ha segnato e sarà proprio quella ragazza dai capelli viola a riaccendere in lui la voglia di amare.

Il loro è un amore che cresce piano piano, ricco di consapevolezza e timori. Un amore peccaminoso eppure così travolgente. Un amore che li fa sentire al posto giusto nella situazione più sbagliata. Un amore destinato a rimanere nell’ombra seppur sprigioni una luce accecante. Un amore in grado di rendere, persino l’inferno, amabile.

Sullo sfondo di questa storia, allo stesso tempo dolce e amara, troviamo una Roma eterna e bellissima e le storie di tanti altri personaggi, le cui vite s’incroceranno irrimediabilmente con il passato e il presente dei due protagonisti.

Sono riuscita a terminare questa storia in due giorni, come se non volessi staccarmi dalla realtà di Manfredi, Melania e i loro compagni di avventura. E’ una storia che incanta, inducendoci a sperare nel lieto fine, seppur esso non potrà che essere ben diverso da quelli comuni. Ci propone l’amore in un’ottica totalmente nuova, come una forza in grado di stravolgere anche gli schemi più rigidi della società, nulla a che vedere con il cliché della ragazzina che si invaghisce dell’uomo più grande. Mi sono affezionata a tutti i personaggi, con i loro pregi e i loro difetti, ma Melania, in particolare, mi ha insegnato che il primo passo per amare è imparare ad essere noi stessi anche senza qualcuno al nostro fianco.

Consiglio questo libro a chiunque sia alla ricerca di una storia d’amore per nulla scontata. L’autrice è riuscita a trattare con maestria un tema tanto delicato, senza mai cadere nel melenso e nello scontato, incantandomi dalla prima fino all’ultima pagina. Un ulteriore aspetto che ho adorato è l’uso dell’ironia, la quale rende questa storia, se possibile, ulteriormente coinvolgente.

Voto: 9/10

In evidenza

milk and honey – rupi kaur

Trama
milk and honey è una raccolta di testi di amore, perdita, trauma, violenza, guarigione e femminilità. Si divide in quattro capitoli, ognuno persegue un obiettivo diverso, tratta una sofferenza diversa, guarisce un dolore diverso. milk and honey accompagna chi legge in un viaggio attraverso i momenti più amari della vita e vi trova dolcezza perché la dolcezza è dappertutto, se solo si è disposti a cercarla.

Per questa mia prima recensione, ho scelto un’opera decisamente conosciuta. Questo libro, pubblicato nel duemilaquattordici, è rimasto per lungo tempo sotto le luci della ribalta. Le motivazioni del suo successo sono molteplici e mi piacerebbe evidenziarle, parlando degli importantissimi temi trattati in questo bestseller e mostrandovi alcune delle poesie presenti.

Recensione
Quando ho acquistato questo libro, ero alla ricerca di una lettura diversa, più diretta. Volevo entrare direttamente a contatto con le emozioni dell’autrice, senza il velo di una trama e molteplici personaggi. La copertina nera, raffigurante le sagome di due api, mi ha subito colpita, schietta come il contenuto del libro stesso. Ho deciso di affrontare questa lettura in lingua originale, con la speranza di non perdere nemmeno una sfumatura di ogni parola. Una delle prime pagine indica come l’autrice abbia deciso di organizzare i suoi pensieri, ossia dividendoli in quattro capitoli principali, ognuno dei quali rappresenterà un diverso sentimento: dolore, amore, abbandono e guarigione.

Nel primo capitolo, la sofferenza viene espressa relativamente a diversi tipi di relazioni, da quelle amorose a quelle che legano un padre alla propria figlia. Sono parole pesanti e dirette, quelle che l’autrice decide di adoperare. La donna viene descritta come oggetto inanimato del piacere, talvolta fonte di vergogna per la sua stessa famiglia. Proprio questa poesia descrive il potere distruttore della sofferenza nei legami familiari.

ogni volta che dici a tua figlia che la sgridi per amore le insegni a confondere la rabbia con la bontà e la cosa sembra una buona idea finché lei non cresce e si affida a uomini che le fanno del male perché somigliano tantissimo a te –

Il secondo capitolo descrive l’amore, sentimento in grado di stupire. La stessa autrice si dipinge incredula davanti alle sue tante sfaccettature. E’ un amore dai molteplici destinatari, soprattutto sé stessi. Tale concetto viene apertamente espresso in una breve poesia del capitolo:

sto imparando ad amarlo
amandomi

Il terzo capitolo è, invece, dedicato all’abbandono. Ad emergere è la disillusione, dovuta alla fiducia mal riposta, come un fulmine a ciel sereno. L’amore, in questo caso, ha spinto l’autrice a buttarsi tra le braccia della persona sbagliata. La delusione è difficile da superare, bisogna essere in grado di riavere indietro la propria autonomia.

abbiamo cominciato
in onestà
e allo stesso modo
finiamola

Con il quarto capitolo si arriva, finalmente, alla guarigione. L’autrice, attraversando i tre stadi precedenti, può dirsi maturata e meno fragile nei confronti delle avversità della vita. Sopraggiunge l’accettazione, che spinge a lasciare andare ciò che ci distrugge. E’ ormai giunto il momento di smettere di aspettare qualcuno che ci salvi, siamo noi stessi gli eroi della nostra storia. Dobbiamo iniziare ad apprezzarci di più, con ogni pregio e difetto che ci contraddistingue. Quello stesso mondo che ci ha fatto tanto male, ci ha resi decisamente più forti, pronti a lottare per noi stessi.

Siamo nate tutte
bellissime
la più grande tragedia è
convincersi di non esserlo

Questa è un’opera sincera. Rupi Kaur ci racconta la sua realtà per quella che è. Ogni parola è in grado di graffiarci l’anima, non permettendoci di negare quanto appena appreso. Ogni poesia è in grado di proiettare un’immagine davanti ai nostri occhi, servendosi, inoltre, delle raffigurazioni presenti in quasi ogni pagina.
Questa è un’opera che divide, non tutti sono pronti ad aprirsi alla verità, in quanto non sempre piacevole e rosea.

Rupi Kaur è una ragazza come tante altre, nasce in India, ma all’età di quattro anni si trasferisce con la sua famiglia a Toronto. Date le sue difficoltà nel parlare inglese con gli altri bambini nella sua scuola, viene incoraggiata da sua madre a disegnare e dipingere.. Inizia a scrivere poesie per i compleanni dei suoi amici. Studia retorica e scrittura all’Università di Waterloo. La sua prima mostra viene allestita nel 2009 nel seminterrato del Punjabi Community Health Center a Malton. Tra le sue opere più conosciute c’è il suo saggio fotografico sulle mestruazioni, descritto come un pezzo di poesia visiva destinato a sfidare i tabù della società sul ciclo mestruale. Durante la scuola superiore, inizia a condividere i post scritti in modo anonimo. Dal 2014 inizia a scrivere su Instagram, con l’aggiunta di semplici illustrazioni.
Rupi Kaur è considerata una dei più influenti instapoets, ossia giovani poeti che pubblicano versi principalmente sui social media.

Penso che ogni donna, qualsiasi sia la sua età, dovrebbe leggere quest’opera, poiché consiste in un’onesta rappresentazione della realtà che ci circonda, realtà di donne sopraffatte dalla figura maschile, realtà di padri e figlie, realtà di delusioni, realtà di amore, realtà di rinascita.

In evidenza

Presentazione

Benvenuti nel mio mondo. Io sono Coco e non vedo l’ora di condividere con voi libri, esperienze e tanto altro. Spero che questo piccolo spazio possa essere un luogo piacevole e ospitale.

Benvenuti nel mio piccolo mondo! Io sono Coco e questo è il mio blog. Le motivazioni che mi hanno spinta ad aprirlo sono davvero tante, ma la più importante è la mia passione per la lettura.
Amo leggere per ore e immergermi completamente nei miei libri, vivendo a pieno ogni storia. Quando leggo, mi dimentico del mondo intero, chiudendomi in una bolla di serenità.
Il mio genere preferito è senza ombra di dubbio il Romance, lo so, non spicco per originalità. In questi ultimi mesi, tuttavia, ho iniziato ad aprirmi a nuovi generi, rimanendo piacevolmente colpita. Sono fermamente convinta del fatto che siano i libri a scegliere noi e non il contrario.

Che sciocca, non vi ho ancora detto molto sul mio conto, anche se non so quanto possa interessarvi. Succede sempre così quando mi perdo a parlare delle cose che amo. Comunque, ho quasi diciotto anni e sono una studentessa. Per quanto riguarda il resto, scoprirete tanto altro tramite i miei post e, se vi va, seguendo il mio profilo Instagram.
Prima di chiudere questo primo articolo, ci tenevo a spiegarvi cosa troverete su questo blog. Ho deciso di dedicare principalmente questo spazio alle recensioni dei libri che più mi sono piaciuti, ma ho intenzione di raccontarvi alcune esperienze e tanto altro.

Spero che questo possa essere l’inizio di un’indimenticabile avventura, sia per me che per voi.

All the love, Coco.

Segnalazione-Angels- La vita segreta di un angelo nascosto.

Titolo: Angels – La vita segreta di un angelo nascosto

Autore: Miriam Giorgi

Edito: PAV Edizioni

Genere: Fantasy

Pagine: 233

Prezzo kindle: 4,99€

Prezzo cartaceo: 16,90€

Trama: Alessandra Ainees è una diciassettenne londinese che tutti conoscono col nome di Lexi. La sua sembra una vita comune, un giorno però scopre che non è umana ma un Angelo Custode e il suo compito è quello di proteggere le persone da orribili forze oscure.

Nel tempo Lexi scopre di avere grandi poteri grazie anche all’aiuto di Blake, un Angelo bellissimo e del quale se ne innamora.

Miriam Giorgi attraverso le pagine di ANGELS ci trasporta in svariati luoghi della Terra: dalla magica Londra alla meravigliosa Parigi, dalle antiche strade di Roma al colossale ponte di Brooklyn grazie a magiche porte nascoste.

Biografia: Ultima di quattro figli, Miriam vive a San Luca, un comune italiano di 3.936 abitanti della città metropolitana di Reggio Calabria, con la sua famiglia. Frequenta il terzo anno di ragioneria a Siderno nell’istituto superiore Guglielmo Marconi. È appassionata di scrittura e lettura. Da grande Miriam vorrebbe fare l’ingegnere aereospaziale.

Il 12 marzo 2018 presso il Quirinale le è stata conferita, dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l’onorificenza di Alfiere della Repubblica.

Miriam Giorgi nel 2016 ha pubblicato con la PAV edizioni il suo primo libro: Angels, la vita segreta di un angelo nascosto.

Angels 2, la vita segreta di un angelo disertore, è il secondo capitolo della trilogia fantasy ANGELS. Il suo Blog è: meandbooks.altervista.org

Annunci

Segnalazione: La mia rivincita di Filippo Bisio.

Titolo: La mia rivincita
Autore: Filippo Bisio
Casa Editrice: Le Mezzelane
Genere: Autobiografico
Pagine: 416
Prezzo ebook: 3,99€
Prezzo cartaceo: 10,96€

Trama: La storia dell’infanzia e dell’adolescenza di un ragazzo che non ha mai permesso alla sua patologia di avere la meglio sulla sua vita di tutti i giorni e sui suoi desideri, e che, talvolta con rabbia e tensione, combatte contro una società che con fin troppa facilità dà etichette e non accetta che ogni persona sia un individuo a sé, diverso quindi da tutti gli altri, e che la normalità sia una delle tante invenzioni dell’essere umano.

Biografia: Filippo Bisio nasce a Genova il 26 marzo del 1999, a causa della sua malattia, un’emiparesi cerebrale sinistra, poco prima della maturità è costretto ad abbandonare gli studi superiori. La sua curiosità e la sua sete di sapere trovano però spunti in tutto ciò che lo circonda e Filippo guarda al mondo con vivo interesse, cercando di non pensare alla sua condizione di malato. Quando decide di scrivere ” La mia rivincita” è per una precisa volontà di riscattare sé stesso e chiunque si trovi in una condizione simile alla sua, per sentirsi efficiente e utile e riaccendere i riflettori sui diversi aspetti della disabilita’.

Lo spirito delle idee-recensione

Readers, buon pomeriggio. Come state? Spero tutto bene. Oggi sono tornata con una nuova recensione e sinceramente sono davvero molto entusiasta. Bando alle ciance.

Titolo: Lo spirito delle idee

Autrice: Jessica Rigoli

Prezzo: 10€

Link Amazon:https://www.amazon.it/dp/1720152187/ref=cm_sw_r_cp_awdb_c_yjIcDb5ZRASBW

Trama:

In un tranquillo sabato Melissa si trova catapultata in un altro mondo, inospitale e pericoloso, governato dallo Spirito delle idee. Perchè lo Spirito la teme così tanto? Perchè pare che le sorti di questo mondo e del suo dipendano proprio da lei? Guidata dalla gatta Beatrix e insieme a vecchi e nuovi amici conosciuti durante il corso dell’avventura, la bambina si scontrerà proprio con il padrone del mondo inverso. Riuscirà Melissa a districarsi fra mille rivelazioni sconcertanti e segreti pericolosi senza perdere se stessa e la propria anima?

Recensione:

Mi sento in dovere di ringraziare Jessica Rigoli per avermi riportata nel mondo meraviglioso delle favole, da me ormai dimenticato.

L’autrice con questo meraviglioso libro ci trasporta in un’avventura fantastica e ricca di significato, esaltando valori da non sottovalutare.

In ogni parola ho colto la passione e l’impegno di Jessica, i quali rappresentano gli ingredienti magici di questo incantesimo da lei realizzato.

Questa storia si presenta adatta sia a un pubblico molto giovane che ai lettori più maturi, un vero e proprio inno al coraggio, all’avventura e all’amicizia.

La scrittura fluida e delicata dell’autrice ci guida piacevolmente nel mondo inverso, coinvolgendoci completamente .

Non posso far altro che consigliarvi questo gioiellino. Ideale da leggere anche in compagnia dei più piccoli.

Il mio voto è:9/10

Una ragazza inglese ~Beatrice Mariani

Formato: Copertina rigida

Genere: Romanzo
Pagine: 275
Editore: Sperling & Kupfer

Trama:

È un tardo pomeriggio di giugno quando Jane raggiunge il cancello della villa dove passerà l’estate. Per lei, diplomata a pieni voti in Inghilterra, lavorare come ragazza alla pari per una ricca famiglia romana è un modo per mettere da parte qualche soldo, ma soprattutto il primo passo verso un futuro che intende scegliere da sola. Gli zii, unici parenti rimasti, la vorrebbero indirizzare a studi di economia, un percorso sensato che garantisce un solido avvenire. Ma lei non può dimenticare che i suoi genitori hanno seguito la loro passione a costo della vita, e la passione di Jane è il disegno, non i numeri. A nemmeno vent’anni, ha imparato a dar retta più al cuore che alla ragione. Il cuore, fin dal loro primo rocambolesco incontro, la spinge verso il suo datore di lavoro, Edoardo Rocca, un uomo d’affari dal fascino misterioso, zio del bambino di cui lei si deve occupare. È bello, sicuro di sé, sfuggente. Jane ne è intimorita, ma al tempo stesso attratta. Lui appartiene a un altro mondo, lo sa bene, eppure sente un’affinità che nessuna logica può spiegare. Basta una notte insonne perché si accenda una passione che sfida il buonsenso e la convenienza, non solo per la differenza di età, ma anche perché c’è qualcosa che Edoardo nasconde, segreti ed errori che stanno per travolgerlo. E, quando questo accadrà, per Jane sarà troppo tardi per mettersi in salvo.

Recensione:

Buongiorno readers. Oggi sono tornata con una recensione davvero speciale. Nell’ultimo mese ho ricevuto un’opportunità davvero enorme, ossia quella di poter collaborare con Beatrice Mariani, che ringrazio per la disponibilità e la fiducia.

La storia narrata in “Una ragazza inglese ” è quella di Jane Emili. Inizialmente l’autrice ci trasporta nella sua infanzia, caratterizzata dall’assenza dei genitori perennemente impegnati.

Con un salto temporale conosciamo una Jane quasi adulta, che torna in Italia per lavorare come ragazza alla pari in una facoltosa famiglia. Proprio in questa occasione, la nostra protagonista farà la conoscenza di Edoardo Rocca, fratello della sua datrice di lavoro. I due non potrebbero essere più diversi: lui è un uomo adulto e dal passato burrascoso, mentre lei è ingenua e istintiva.

Oltre a i due protagonisti, è impossibile non menzionare personaggi secondari, ma non per questo meno importanti, come Bettina, ex bambinaia di Jane e suo cugino.

I colpi di scena e le complicazioni non mancheranno.

La scrittura di Beatrice è fluida e piacevole. Si tratta di una lettura decisamente adatta all’estate e al relax.

Ho apprezzato l’atmosfera familiare ricostruita dall’autrice e le numerose espressioni dialettali.

Complimenti vivissimi.

Il mio voto è: 9/10

https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
<ins class=”adsbygoogle”
style=”display:block; text-align:center;”
data-ad-layout=”in-article”
data-ad-format=”fluid”
data-ad-client=”ca-pub-7188806518649090″
data-ad-slot=”4729548586″></ins>

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Recensione ~Viola di notte

Titolo: Viola di notte

Autrice: Ilaria Bianchi

Casa editrice: Bookabook

Prezzo: 14,00€

Buongiorno readers. Finalmente è finita la scuola. È arrivato il momento di rilassarci e dedicarci a quel che più ci piace, nel mio caso la lettura.

Oggi sono tornata con una super recensione e non vedo l’ora di parlarvi di questo gioiellino. Mi riferisco a “Viola di notte” di Ilaria Bianchi.

Questa storia non è ancora stata pubblicata in cartaceo poiché è in fase di Crowdfunding su Bookabook. In poche parole è possibile preordinarlo e la copia cartacea vi sarà inviata entro Dicembre.

Trama:
Due ragazzi. Un Luna Park. Un diario. Un amore capace di nascere solo con l’immaginazione.
Viola si sente diversa, i suoi occhi sono malati, la possibile perdita della vista la rende attenta a tutto quello che la circonda. È una solitudine vera la sua, così profonda da spingerla a scrivere i suoi pensieri dentro un diario per poi lasciarli in balia del destino sulla ruota panoramica di un Luna Park l’ultimo giorno d’estate.
Mattia ha una vita perfetta ma la morte improvvisa di Matteo, suo fratello gemello, apre una voragine nella sua ostentata calma, nel suo maniacale controllo.
È in una notte tra tante che salendo sulla ruota panoramica di un Luna Park trova un diario. “Viola di notte” c’è scritto sulla prima pagina. Leggendolo Mattia inizierà il suo primo viaggio dentro se stesso. Un viaggio intenso, sincero, tanto profondo da fargli scoprire che le cose importanti non vanno cercate lontano perché spesso sono proprio lì, a portata di mano.
Viola di notte è un percorso dentro le più intime riflessioni, dentro le debolezze e le paure che almeno una volta nella vita ognuno di noi deve aver vissuto. È un viaggio dentro un amore diverso dagli altri, un amore che non si dimentica, un amore in cui essere quello che si è diventa l’unica regola da seguire per non sbagliare mai.

Recensione:

Quando mi trovo davanti a un libro di un’autrice emergente, non so mai cosa aspettarmi. Si tratterà di un capolavoro o dell’ennesimo buco nell’acqua?

Strano a dirsi, ma con “Viola di notte ” ero certa che non sarei rimasta delusa. Nei colori della sua meravigliosa copertina e nella trama ho intravisto un potenziale non indifferente.

Sin dalle primissime pagine, nelle quali facciamo la conoscenza di Viola, ogni sensazione è descritta nei minimi dettagli. Ammetto di aver versato qualche lacrima, sono una piagnucolona, lo so.

Andando avanti, scopriamo a poco a poco tutte le sfaccettature di Mattia, il protagonista maschile. Si tratta di un personaggio enigmatico e decisamente poco convenzionale. Egli è molto bravo a camuffare le proprie ferite e a fingere di star bene.

L’incontro tra i due è a dir poco unico. Viola, infatti, decide di affidare i suoi pensieri e timori a un diario per poi abbandonarlo sulla ruota panoramica di un lunapark. Sarà proprio Mattia a trovarlo e tra i due nascerà un legame profondissimo. Le sofferenze dell’una diventeranno spunti di riflessione per l’altro, che tramite esse maturerà visibilmente.

Ilaria ha talento, sarebbe impossibile negarlo. Scrive dal profondo del cuore e ciò è tangibile in ogni parola.

Questa storia è riuscita a farmi riflettere, sognare, gioire e piangere. È un racconto forte e profondo, forse uno dei pochi.

Ilaria, mi rivolgo a te, sappi che hai qualcosa di speciale, non smettere mai di credere in te stessa, mai. Ti auguro di veder realizzato ogni tuo sogno e che il tuo libro venga riconosciuto per la meraviglia che è.

Il mio voto è: 10/10

Resh Stories ~ Power to the stories

Buonasera readers. Oggi non sono qui per recensire una storia, ma per parlarvi di una nuova realtà editoriale davvero interessante.

Resh Stories è una piattaforma online che ha l’obiettivo di mettere in connessione autori e lettori. I generi presenti vanno dal fantasy ai classici.

L’obiettivo di questo progetto è quello di superare i limiti dell’editoria tradizionale, mettendo al centro dell’intero processo l’autore, la sua creatività e la sua voglia di osare. Per questo saranno proprio i creativi a beneficiare della parte maggiore degli utili delle loro pubblicazioni.

Resh Stories, inoltre, è fermamente contro ogni forma di editoria a pagamento: agli autori sono richieste doti di scrittura, serietà, professionalità, voglia di mettersi in gioco, spirito di collaborazione, ma assolutamente nessun contributo.

Uno degli aspetti più interessanti di questa realtà è che le storie sono frammentate in episodi, acquistabili separatamente o tramite un season pass proprio come vere e proprie serie TV.

Se siete amanti del cartaceo, non preoccupatevi. Le opere sono acquistabili in forma stampata.

Come funziona?

1.Accedere all’indirizzo https://www.reshstories.com/

2. Registrarsi.

3. Scegliere una delle storie presenti nel catalogo. Tra le quali potrete trovare:

JACK LONDON COLLECTION: Una collana dedicata a Jack London, uno dei più grandi scrittori del Novecento, che seppe trasformare il racconto di avventura in un’indagine profonda dell’umanità.

BETTER – DARIO CUSTAGLIOLA: A Goodmorning, ognuno combatte per qualcosa.
Tra dannati ed eroi non c’è distinzione.
A Goodmorning, non c’è spazio per cuori teneri.
Crudele, spietata, spudorata, Goodmorning è la città più pericolosa degli Stati Uniti d’America.
Christopher, James, John, Vincent, Victor, Jason, Brenda, Michael… tanti nomi, tante storie, un solo destino: speranza, rimorsi, rabbia, riscatto, menzogne, vendetta in una miscela irriverente e spregiudicata di noir, pulp e hard boiled che saprà colpirvi lì dove fa più male!

RAY OWLERS AND THE RED SPARKS – LUIGI FORMOLA: Nella città di Blackbay Side, Nord America, regna la notte. Gli abitanti di Blackbay Side vivono duecento anni. La regina Adelia garantisce il rispetto delle Giusteregole e la pace ai suoi sudditi… ma quest’ordine ha il suo prezzo: sognare è proibito, far domande è pericoloso, il passato deve essere dimenticato. Ray Owlers non è altro che un semplice studente e si tiene alla larga dalle domande, o almeno ci prova… ma quando, come Ray, sei uno degli ultimi discendenti dei Bodyen spesso sono le domande a trovare te… anche nella forma più inaspettata di un semplice e innocuo pettirosso!

4. Selezionare una storia e procedere all’acquisto. Il primo episodio di ogni storia è gratuito, mentre i seguenti sono venduti al prezzo di un euro l’uno. Altrimenti è possibile acquistare l’intera stagione ad un prezzo vantaggioso. I formati disponibili per il download sono 3: ePub (ideale per smartphone e tablet), PDF (adatto a qualsiasi dispositivo) e Mobi (adatto per gli eReader Kindle).

Sei un autore? Ecco come inviare la tua opera:

Resh Stories cerca storie di genere, che siano pensate e scritte o che comunque si prestino per una pubblicazione a episodi e in stagioni, sul modello di una serie tv.

Si prediligono storie che facciano parte di universi narrativi vasti, adatti ad essere raccontati negli anni, in più libri, pronti a svilupparsi in lungo e in largo (prequel, sequel, spin off). Storie che siano capaci di uscire dalle pagine di un libro e approdare ad altri media. Si preferiscono libri la cui lunghezza non superi le 200 cartelle (una cartella è pari a 1800 caratteri spazi inclusi).

Nonostante ciò, Resh stories è ben disposto a valutare anche romanzi autoconclusivi o più lunghi di quanto indicato: quel che più importa di una storia è la sua capacità di tenere col fiato sospeso e conquistare.

Se hai già scritto il romanzo che vuoi proporre, invialo per intero, accompagnato da una sinossi non superiore alle 4 cartelle (eccedere non è un buon modo per presentarsi). Bada bene, nella sinossi devi dire tutto: ambientazioni, personaggi principali, argomenti e trama. Quando ti chiedono di raccontarela trama non ti stanno chiedendo di descrivere ogni singolo evento e svolta narrativa, ma di raccontare quello che è essenziale, ciò che caratterizza nel profondo la tua storia. E racconta anche il finale.

Se il tuo romanzo è in fase di scrittura, invia almeno 40 cartelle che ritieni siano pronte per essere mostrate. Non è necessario che siano le 40 cartelle iniziali, lasciano a te la scelta, ma il loro consiglio è di inviare le 10 cartelle iniziali (o il primo capitolo se è più lungo di 10 cartelle) e il resto delle cartelle scelte da te. Insieme a questa selezione, invia anche una sinossi non superiore alle 4 cartelle.

Se hai avuto solo un’idea, ma non hai ancora scritto nulla, c’è spazio anche per te. Bada bene, per essere presa in considerazione la tua idea deve essere comunque ampiamente strutturata e definita e devi presentarla in ogni caso attraverso una sinossi. Se precedentemente hai scritto altro, non per forza un libro, in cartaceo o in digitale, può essere utile presentarci qualche tuo scritto precedente, così da permettere di valutare in qualche modo le tue capacità di scrittura.

In ogni caso scrivi a submissions@reshstories.com

Nella mail presentati brevemente. Scrivi le tue generalità, il modo in cui contattartie il titolo provvisorio di quel che presenti.

Gli allegati devono essere preferibilmente in formato pdf.

Nell’oggetto della mail, scrivi il titolo della tua opera seguito dalla dicitura – COMPLETA/PARZIALE/IDEA a seconda del tuo caso.

A ogni mail che riceveranno, risponderanno entro un giorno lavorativo con una mail di conferma. A rispondere non sarà un bot, ma direttamente l’editor a cui sarà stata affidata la lettura del testo.

Tutto ciò che invierete sarà letto per intero.

Riceverete sempre una risposta, che sia negativa o positiva. I tempi attuali di attesa sono di quattro mesi.

Resh stories è fermamente contrario all’editoria a pagamento: nessun contributo sarà richiesto agli autori, in nessuna forma.